Il futuro delle orchidee

Di | ottobre 23, 2017

Il futuro delle orchidee dal punto di vista evolutivo non è molto benestante. Raggiungere un alto grado di specializzazione, sono diventati dipendenti da molti fattori – a parte i requisiti spesso specifici dell'habitat, anche da funghi e animali! Così si sono diretti in un vicolo, da cui non c'è ritorno. Il mondo vivente è così organizzato, che i gruppi sono più specializzati, derivano da antenati più primitivi. L'evoluzione include. aumento della specializzazione. Quindi piante specializzate in una determinata direzione, da un punto di vista evolutivo, chiudono la prospettiva di un ulteriore sviluppo. Sembra, che le orchidee sono attualmente nella fase ottimale del loro sviluppo ancestrale. Ma non preoccupiamoci di questo, cosa attende le orchidee tra pochi milioni di anni, perché questo è probabilmente quanto avrebbe richiesto il processo di estinzione naturale di questo gruppo, se non ci fossero catastrofi globali improvvise. Le orchidee affrontano un pericolo molto maggiore da parte degli esseri umani. Perché è la nostra specie che sulla Terra è la più grande minaccia per tutte le forme di vita. Anche per i grandi, piante insolite. Quante persone ne sono consapevoli, che entro un anno, un'area di foreste tropicali pari al territorio della Polonia scompare dalla superficie del globo? Tutto questo è dovuto a rapina, attività umana sconsiderata. Quante specie di orchidee e altri organismi stanno morendo, anche prima che gli scienziati ne siano a conoscenza? Le foreste tropicali sono un pilastro in giro 3 milioni di specie di piante e animali. Calcola, che se il tasso di distruzione delle aree tropicali continua, entro la fine del secolo, ca. 1,5 milioni di specie! Le orchidee ne costituiranno sicuramente una percentuale significativa. È simile alle aree non tropicali. Ad esempio, in Australia, c'è una minaccia lì, estremamente interessante e abbastanza diverso dagli altri, flora orchidea. Il motivo è l'intensificazione dell'allevamento ovino, introduzione di specie vegetali straniere e sviluppo delle steppe, cespuglio e savane. Ci sono molti esempi simili.

Ci sono specie di orchidee già estinte? È estremamente difficile rispondere a questa domanda in modo inequivocabile. Se si tiene conto dello scarso grado di ricerca nei continenti, fuori dall'Europa e dal Nord America, c'è sempre la possibilità di trovare da qualche altra parte una specie considerata estinta. Pertanto, è probabilmente più sicuro parlare di specie in via di estinzione. E sono così in tutto il mondo.

Inventare le risorse del mondo vivente della Terra, vengono sviluppati programmi di ricerca, il cui scopo è conoscere piante e animali di diversi paesi o aree geografiche. Come risultato della ricerca, vengono descritte numerose nuove specie, soprattutto tra gruppi poco conosciuti o poco appariscenti, che di solito va di pari passo. Ad esempio, durante lo studio delle orchidee in Ecuador, un ricercatore ha descritto quanto 100 nuove specie da un solo genere Lepanthes! La situazione delle orchidee è così tragica?? Certamente sì. Senza l'aiuto umano, le loro possibilità di sopravvivenza sono scarse. Dopo tutto, queste piante per la sopravvivenza, oltre la luce, terra e acqua, richiedono anche la presenza di funghi per la germinazione e insetti per l'impollinazione. Nel mondo vegetale, sono forse i più dipendenti dagli altri, elementi viventi dell'ambiente. Pertanto, il loro numero è influenzato negativamente da azioni dirette non sempre direttamente contro di loro. Per esempio, l'uso di insetticidi uccide non solo i parassiti delle colture, ma anche altri insetti, utile o indifferente dal nostro punto di vista, anche quelli che impollinano i fiori. La fertilizzazione o il miglioramento modificano le proprietà e la struttura del suolo, che non è indifferente ai funghi simbiotici, e alla lunga riduce le possibilità di germinazione dei semi di orchidea. Le relazioni tra gli elementi dell'ambiente sono così complesse, che spesso non siamo consapevoli delle conseguenze delle nostre azioni apparentemente insignificanti per la natura.

Una certa speranza per salvare le orchidee dalla distruzione è creata dallo sviluppo di moderne tecniche di semina asimbiotica, cioè nessun fungo, e il cosiddetto. colture di tessuti. Questi ultimi sono particolarmente promettenti. Consistono nell'isolare un gruppo di cellule dalla pianta, mantenendoli in vita e moltiplicandoli in speciali nutrienti. In questo modo, le fattorie di orchidee possono essere mantenute per molti anni. L'esempio di Epidendrum Ilense è un po 'ottimista. Questa specie è stata descritta di recente da un solo sito in Ecuador, che subito dopo fu completamente devastato. Fortunatamente, diversi esemplari vivi della pianta furono spediti negli Stati Uniti. Grazie alla coltura dei tessuti, questa specie è stata salvata dall'estinzione.

Diamo un'occhiata alla situazione delle orchidee nel nostro paese. Probabilmente già 2 la specie è da considerarsi estinta. Sono valgo conici (Anacamptis pyramidalis) e un'orchidea a tre punte (Orchis tridenlala).

Quasi tutti gli altri, tranne l'elleboro a foglia larga (Epipactis lielleborine), blocco piedi a foglia larga (Dactylorhiza majalis) e avvistato (Daclylorhiza maculata), sono più o meno in pericolo. Le cause dell'estinzione variano. I più pericolosi includono l'interferenza umana con le comunità vegetali naturali o attraverso i cambiamenti nelle condizioni del suolo (fecondazione, drenaggio), o attraverso il loro sfruttamento (torbiere). Come risultato di questi trattamenti, il numero e l'area degli habitat delle orchidee potenzialmente accessibili sono ridotti. Rispetto a queste misure, l'impatto diretto degli esseri umani su di esse ha un significato piuttosto marginale per la maggior parte della nostra specie, per esempio.. raccogliere fiori o scavare intere piante. Specie particolarmente attraenti sono esposte a questo, come una scarpa, alcune briciole, granatieri, al ginocchio, a volte va storto, footlock o orchidee. Altre specie, con piccoli fiori poco appariscenti, di solito non sono percepiti dalle persone. Uno dovrebbe ricordare, che tutte le nostre orchidee sono soggette a una rigorosa protezione delle specie in tutto il paese! Perciò, I zrywanie, scavo, il reimpianto e la distruzione sono vietati dalla legge.

Solo applicando insieme tutti i metodi di protezione, così passivo - specie o protezione della riserva, e attivo - coltura e coltivazione di tessuti nei giardini botanici, possiamo salvare questo meraviglioso gruppo di piante dall'estinzione.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *